Ne vincitori ne vinti

 

Si parla di Basket Progresso Matteiplast, una squadra di pallacanestro femminile di Bologna.

Fino qui tutto normale, uno sport, la pallacanestro , che a Bologna e’ sentita piu’ del sollevamento pesi in Azerbaigian o del Cricket in Zimabwe. Quando parliamo di femminile invece parliamo dello stesso interesse che puo’ avere il curling per i peruviani. (interessa ai peruviani?)

Poco interesse per gli investitori e poco interesse per i media.

E’ successo un disastro, una società che ha investito tanti soldi e passione per la pallacanestro femminile non si e’ piu’ compresa con un gruppo di magnifiche ragazze che hanno investito i loro soldi e la loro vita per una società.

La cronaca parla di presa di posizione da ambedue le parti dopo un esonero. Non e’ cosi’.

Si parla di un rapporto tra due innamorati che non affrontano i loro problemi quotidiani giorno per giorno ma accumulano tensione fino a sfociare in rancori ed esplosioni di rabbia che con la pallacanestro hanno poco da spartire.

Poi ci sono i protagonisti dei social, persone che poco hanno a che fare con le persone in questione e la vera passione che li ha uniti fino a qui. Insultano e contribuiscono solamente ad uccidere nei cuori di chi non conosce le cose a prendere per forza una posizione e a dividere. Commenti imbarazzanti e lontano da quello che era la realtà di questo progetto.

Bambine che si avvicinano alla pallacanestro grazie a questa società e a queste ragazze che oggi siamo costretti a dipingere come due realtà distinte ma che in fondo sono e saranno per sempre un’unica grande cosa la Basket Progresso Matteiplast.

Un’unica cosa mi sento di dire, come si fa tra marito e moglie che pensano alla separazione, fate un passo indietro entrambi, mettete da parte le influenze e le frustrazioni di chi ha bisogno per forza di una guerra per sentirsi vivo.

Andate a cena, fatelo per i vostri figli!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: