UNA CANTÙ AUDACE ESPUGNA TORINO DOPO UN PALPITANTE OVERTIME

Brilla l’Acqua S.Bernardo Cantù nella prima gara del 2019, vittoriosa sul campo della Fiat Auxilium Torino. Successo in trasferta che ai brianzoli mancava dal 20 ottobre scorso, alla terza giornata di LBA, quando i biancoblù colsero una vittoria netta sulla Vanoli Cremona. Quella al “PalaVela” di Torino è la seconda vittoria fuori casa, dunque, per la formazione di coach Pashutin. Per Cantù è anche la seconda vittoria consecutiva dopo il convincente successo su Pistoia. La quattordicesima giornata di campionato, penultima del girone di andata, finisce 96-106, al termine di un avvincente tempo supplementare. Per Cantù è una serata magica, con ben sei giocatori in doppia cifra su otto entrati in campo. 26 punti per Gaines, top scorer dell’incontro. Grandissima performance anche per Mitchell, vicino ad una incredibile tripla doppia per un fatturato finale da 15 punti, 7 rimbalzi e 9 assist. Decisivo all’overtime Jefferson, autore di 22 punti per 31 di valutazione, la più alta del match.

LA CRONACA
Quintetto che vince non si cambia, coach Pashutin – dopo la bella vittoria casalinga contro Pistoia – sceglie di confermare gli stessi cinque titolari: Gaines in regia, dunque, supportato sugli esterni dalla grinta di Tassone (nato proprio a Torino) e dal talento di Mitchell. Sotto i tabelloni il solito duo Jefferson-Udanoh, con quest’ultimo non al meglio per un forte dolore alla schiena ma comunque in campo. Coach Galbiati, recentemente subentrato sulla panchina torinese al posto di Brown, parte invece con Moore, Carr, Hobson, Wilson e Jaiteh. Pronti via è proprio Jaiteh a rubare la scena con una stoppata su Udanoh che, fin da subito, evidenzia una forma fisica non ottimale del capitano canturino, comunque in campo da vero combattente.

Primo canestro del match a firma di Jefferson, autore di una prestazione da 45 di valutazione nell’ultimo turno di LBA. È ottima la partenza dell’Acqua S.Bernardo, avanti 7 a 4 dopo due minuti e mezzo con Gaines che – servito da Udanoh - punisce la difesa locale con una tripla dall’angolo. È sempre Gaines, poco dopo, a portare la S.Bernardo in vantaggio di due possessi. Poi, però, il break dei padroni di casa, con un 7 a 0 lampo che porta l’Auxilium sopra 16 a 14. Di Jaiteh il canestro del sorpasso. Partita tirata nel punteggio e molto maschia in area: Mitchell sceglie allora di colpire Torino da fuori, con la “bomba” del 21 a 18 ospite a cento secondi dalla fine del primo quarto. Prima frazione che si chiude però con la Fiat avanti, 25-23 al 10’.

Il secondo periodo inizia come era finito il primo, con Carr molto caldo e preciso al tiro. Del classe ’97 americano la tripla del momentaneo +5 che alza i decibel del tifo gialloblù. Immediata la reazione dei canturini, con Davis e Gaines protoginisti di un 5 a 0 importante che consente così a Cantù di impattare in un amen. 28 pari al 12’. È il momento della S.Bernardo, guidata in attacco da Blakes. Il numero quattro in maglia verde realizza dall’angolo la “bomba” del 36 a 34, dopo un’ottima azione costruita dall’asse La Torre-Gaines. Time out Auxilium. Alla ripresa del gioco, prosegue l’ottimo momento dei brianzoli, trascinati ancora una volta dalle prodezze di Gaines: 34-39 al 15’. Un minuto dopo si segnala una bella tripla dall’angolo di Davis, entrato in campo splendidamente dalla panchina, con l’atteggiamento giusto. È la “bomba” del massimo vantaggio canturino, che permette agli ospiti di portarsi in vantaggio di tre possessi pieni (34-43). Nel finale del primo tempo, a salire in cattedra è anche Mitchell, autore della tripla del 49 a 43 ospite. Sulla sirena di fine secondo quarto, però, un’ingenuità di La Torre manda in lunetta Poeta. Il capitano della Fiat fa 2 su 2 ai liberi, accorciando le distanze al 20’ e mandando le due formazioni negli spogliatoi sul 47 a 49. All’intervallo lungo due i giocatori in doppia cifra, uno per parte: Carr a referto con 18 punti per Torino, per Cantù sono 15 invece i punti di Gaines. Spiccano anche i 5 assist di Mitchell.

Il terzo quarto vede protagonisti i lunghi titolari di Cantù, con sia Udanoh che Jefferson a segno. Torino, invece, tiene botta con Hobson, autore di cinque punti consecutivi che non consentono alla S.Bernardo di piazzare l’allungo. Poi succede l’incredibile, con Cusin che – a sorpresa – manda a bersaglio una insolita tripla. Delirio al “PalaVela”, per quella che è soltanto la nona tripla in LBA di Cusin (in 421 presenze). L’ultima tripla realizzata da Cusin in campionato risaliva alla stagione 2010-’11. 55 pari al 24’. L’inerzia si sposta tutta a favore della Fiat, a segno dall’arco anche con Hobson, scatenato in avvio di secondo tempo. Altra tripla a bersaglio di Hobson, l’Auxilium ci crede ma Cantù è bravissima a tenere botta, con grande lucidità. Ed, infatti, la S.Bernardo non è da meno, con Blakes ancora letale dai 6 metri e 75. Time out chiesto da coach Galbiati. Cantù stabilmente in vantaggio, 66 a 63, con meno di novanta secondi sul cronometro. 65-66 al 30’.

Avvio dell’ultimo periodo che vede Wilson salire in cattedra con otto punti consecutivi, tutto il fatturato della Fiat dopo i primi minuti della quarta frazione. Locali avanti 73 a 71 al 33’. A scuotere la S.Bernardo ci pensa il “solito” Gaines, con la tripla del sorpasso. 74 a 73 per Cantù pochi secondi dopo lo show di Wilson che prosegue ugualmente con la tripla dell’ex NBA del controsorpasso gialloblù (78-76). Ma lo stesso Wilson, dopo un errore al tiro su una perfetta difesa di Tassone, viene sanzionato dalla terna arbitrale con un fallo tecnico per proteste. Quarto fallo per il talento ex Los Angeles Clippers, con 5’ e mezzo ancora da giocare. Ne approfitta la S.Bernardo, che non leva per neppure un secondo il piede dal pedale dell’acceleratore. A caricarsi l’attacco brianzolo sulle spalle è il capitano canturino, Udanoh, a referto con quattro punti in fila preziosissimi. 84 pari al 37’. Nel finale brilla anche la classe di Jefferson, autore di altri quattro punti pesanti e di una gran stoppata su Moore. 87-89 a meno di un minuto e mezzo dal termine. Ma nel finale, proprio quando la S.Bernardo sembra avere la partita in pugno, una palla persa di Gaines regala a Moore il canestro del 91 pari che, con 25’’ ancora da giocare, rimette tutto – ancora una volta – in perfetto equilibrio. Equilibrio che permane anche al 40’ quando un assolo di Mitchell si spegne sul ferro, così come un tiro da distanza siderale di Gaines sulla sirena. Overtime.

Tempo supplementare infuocato, dalle mille emozioni. Tanta la tensione in campo, dopo due minuti di gioco soltanto quattro punti realizzati, due per parte. Per i piemontesi canestro di McAdoo, per i lombardi a segno Mitchell. Un “canestrissimo” di Jefferson - con tanto di fallo e tiro libero extra a bersaglio - manda in estasi sia il settore che la panchina ospite del “PalaVela”. 93-96. Nel finale Blakes, come un falco, piomba su un rimbalzo offensivo, appoggiando al tabellone il canestro del momentaneo +5. Ed è sempre lo stesso Blakes, poco dopo, a prendersi la responsabilità di un tiro pesantissimo che regala a Cantù il centesimo punto e – nuovamente – le cinque lunghezze di vantaggio. Il resto lo fa Jefferson, che in anticipo di 30’’, manda i titoli di coda con il canestro del più sei. Finisce 106 a 96.

FIAT TORINO AUXILIUM-ACQUA S.BERNARDO CANTÙ 96-106 d.t.s.

(25-23, 22-26; 18-17, 26-25; 5-15)

TORINO: Wilson 14, Anumba n.e., Carr 21, Hobson 16, Guaiana n.e., Poeta 10, Cusin 5, McAdoo 19, Jaiteh 2, Stodo n.e., Portannese n.e., Moore 9. All. Galbiati

CANTÙ: Gaines 26, Mitchell 15, Blakes 15, Udanoh 14, Baparapè n.e., Parrillo n.e., Davis 11, Tassone 3, La Torre, Pappalardo n.e., Quaglia n.e., Jefferson 22. All. Pashutin

Arbitri: Begnis, Bartoli e Belfiore

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: